Giovani alla conquista del grande schermo

Arianna e Selena Mannella

 

 

Nome: Alessandro

Cognome: Sperduti

Professione: attore

Dove lo abbiamo visto: Meno male che ci sei, Com’è bello far l’amore, Un matrimonio

 

 

 

 

 

Il fascino del mestiere di attore non ha risparmiato neppure Alessandro Sperduti che ha fatto della sua passione per il cinema una professione. Per sei puntate lo abbiamo visto nel film di Pupi Avati in onda su Rai uno, “Un matrimonio” serie tv con Micaela Ramazzotti e Flavio Parenti in cui Alessandro interpreta il figlio della coppia. Sperduti lo scorso anno ha ricevuto il premio Nice, quello assegnato da Susan Batson, chi è? Niente popodimeno che la coach di attori celebri come Nicole Kidman! Al cinema abbiamo visto Alessandro nel film di Brizzi “Com’è bello far l’amore“. nel 2014 sarà sulla Rai in “La Narcotici 2″ regia di Michele Soavi e nel  film tv sui Martiri di Fiesole “A testa alta” in uscita in primavera,  per la regia di Maurizio Zaccaro. Che dire di Alessandro, è un giovane attore con tanta voglia di fare, carino, simpatico e loquace ma vi avvisiamo, è già fidanzato!

Parlaci della tua parte nel film di Avati?

“Il personaggio si chiama Angelo ed è figlio dei due protagonisti, il maggiore dei tre fratelli, ma in realtà fa molta fatica a trovare la propria strada. È un tipo po’ tormentato per un amore che non va bene e ha difficoltà ad assumersi le proprie responsabilità e lo capisco perché è un personaggio non facile.”

Il lavoro cambia a seconda del regista, è più facile se questi sono famosi?

“Facile non so, ma è sicuramente molto intenso, l’esperienza con Pupi Avati è stata enorme, ero emozionato da morire, e poi lui mi ha aiutato a capire cosa togliere o mettere al personaggio. Alla fine ogni regista ha il proprio modo… tendenzialmente mi sono trovato bene con tutti al di là dei singoli prodotti…”

Non avresti potuto dire il contrario!

“(Ride)… dico solo che a livello personale  è fondamentale il rapporto con il regista.”

Sei stato il protagonista del film “Meno male che ci sei” come è stata quell’esperienza?

“Ero molto felice per quel ruolo e quel film mi ha portato cose importanti… ho partecipato a un concorso e ho vinto un premio… una borsa di studio a New York alla scuola di Susan Batson.”

Quanto sei stato in America?

“Ci sono stato per un mese…”Arianna e Selena Mannella

Sei stato al fianco di star del calibro di Cate Blanchett e Heath Ledger, in produzioni hollywoodiane quali Heaven e La setta dei dannati

“E’ stato qualche anno prima ed è stata un’esperienza formativa, i provini però li ho fatti in Italia, ero molto preso anche perché ero più piccolo…”

Con l’inglese te la sei cavata?

“Ho sempre avuto la passione per le lingue e oramai lo studiano tutti… tendenzialmente sono un ottimista e questo paga. È un modo per andare avanti serenamente.”

Perché hai deciso di fare l’attore?

“Ho sempre avuto la passione per il cinema, me lo ha trasmesso la famiglia. Mi portavano spesso al cinema e quando a casa mi rompevo mi mettevo davanti a una video cassetta… ho iniziato i primi provini per gioco, per caso… e ho capito che mi divertivo, i miei genitori erano contenti. Mi dicevano sempre che l’importante era che mi divertissi. Crescendo ho deciso di fare l’attore e da quel momento diventa una vera responsabilità!”

Ti sei mai appassionato alle serie americane?

“Sto per iniziare a vedere ‘Breaking bad’, sono stato fuori dall’onda del suo successo, ora sono in fissa per il ‘Doctor House’, ‘Dexter’ invece è un capolavoro. Al di là della storia è tecnicamente perfetto.”

Cosa intendi per tecnicamente perfetto?

“Mi concentro sulla recitazione, lui   Michael C. Hall è incredibile in ogni puntata, riesce a mantenere l’intensità in ogni inquadratura. Sono tutti coesi e tutto funziona.”

Da chi ti fai ispirare?

“Lui è sicuramente uno dei più bravi, poi cerco di rubare dai tanti grandi attori che ci sono sia in Italia che all’estero. Mi piace Christian Bale, mi piace ispirarmi a quei modelli che cambiano, che riescono a interpretare sempre cose diverse.”

Arianna e Selena MannellaQuale ruolo ti piacerebbe interpretare…

“Mi piacerebbe che mi proponessero parti diverse, per ogni ruolo che ho avuto, ho avuto la fortuna di incontrare personaggi di un certo spessore, anche se mi capita spesso la parte del figlio per l’età. In Italia i giovani non hanno grandi parti…”

Qual è stata la scena più difficile che hai girato?

“Quelle che non mi fanno dormire la notte… sono parti dove devo mettere più di me stesso anche in ‘Un matrimonio’ ho avuto scene intense, ovvero i momenti di rapporto difficile con la famiglia, è la sfida più bella anche se non mi fa dormire.”

Se una scena non viene come vuoi ti secca?

“Sono spesso ipercritico, per cui sì… ma cerco di cambiare perché non serve prendersela… devo essere a posto con la coscienza se so di avere dato il massimo.”

Ti riconoscono per strada?

“Ogni tanto capita, mi fa piacere… è una gratificazione.”

Hai più successo con le ragazze ora?

“Sono fidanzato, però insomma… mi auguro che mi apprezzino lo stesso.”

Cosa fai nel tempo libero, gli attori pare ne abbiano tanto…

“Mi piace guardare le serie tv con gruppi di amici, mi piace suonare, e ogni tanto compongo con il pianoforte, magari un giorno riuscirò a fare una colonna sonora.”

È difficile andare d’accordo con i colleghi su un set?

“Ho sempre incontrato una certa armonia, ho un carattere tranquillo, poi capita che magari leghi più con uno che con l’altro. Quando ho fatto ‘I liceali’ andavamo tutti d’accordo, è un’esperienza che mi ha segnato. E poi capita che ci vediamo anche fuori dal set come è successo con gli attori di ‘Un matrimonio’”

Cosa farai prossimamente?

“Uscirà ‘La narcotici’ dove sarò un ragazzo che si trova in una situazione pericolosa in mezzo alla droga, è di Michele Soavi, è bello interpretare un personaggio esistito realmente, poi un film tv ‘A testa alta’ di Maurizio Zaccaro dove, si parla nel film di tre carabinieri che durante la seconda guerra mondiale salvano la vita di una persona,.”

Se dovessi fare un bilancio della tua carriera?

“In generale sono soddisfatto del percorso fatto. Abbiamo un grande cinema seppur abbia avuto dei problemi negli ultimi anni, mi auguro che l’apprezzamento estero dia una spinta nuova.”


Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current day month ye@r *