A pranzo con Fido

Arianna e Selena MannellaFonte: OddityCentral

Quante volte avreste voluto portare al ristorante il vostro cane e  non avete potuto farlo, ci sono ristoranti che pretendono che il nostro amico a quattro zampe resti fuori sul marciapiede, altri che ti consentono di portarlo al guinzaglio a patto che resti immobile e muto sotto a un tavolo, da oggi tutto questo diventa un concetto superato nel locale di una certa Giannina Gonzales che nelle Filippine ha deciso di aprire un ristorante adatto a chi ha un amico a quattro zampe. La cuoca infatti, oltre a preparare cibo di qualità per i suoi ospiti umani, pare abbia in serbo prelibatezze per gli animali che accompagnano i loro padroni. Il tutto sembra tradursi in un business di successo molto apprezzato da chi tante volte ha dovuto rinunciare a un pranzo fuori casa proprio per non lasciare il cane da solo. Ovviamente il cibo proposto per i cani è studiato a hoc per loro, dunque adatto sia a livello qualitativo ma anche nutrizionale. Nel ristorante al momento del dessert, sia il cliente che il suo cane possono scegliere tra una vasta offerta di dolci che per il secondo si traduce in biscottini di vario genere… non resta che augurare buon pranzo a chi può usufruire del locale di Giannina.


Un click per scoprire le calorie e

Arianna e selena MannellaFonte: Consumerphysics

Quante volte avete desiderato sapere le calorie che stavate ingurgitando? O quante ne avreste presto ingollate davanti a un determinato panino farcito? Quante volte vi siete chieste quale anguria era la più matura da acquistare per il pranzo e quante altre volte se un medicinale senza bugiardino potevate fare al caso vostro? Bene da oggi pare che questi non saranno più problemi… sì perchè qualcuno ha ben pensato di creare un dispositivo, della grandezza di una penna USB, in grado di ‘leggere’ tutti questi dati con un semplice click. Il prodotto che altro non è che uno spettrometro tascabile che trasmette i dati acquisiti attraverso un APP sullo smartphone è stato ideato da ben 12.958 persone… ovvero tutte quelle che hanno contribuito con una donazione alla realizzazione dello strumento attraverso una piattaforma di crowdfunding. Il dispositivo si chiama SCio dal latino ‘scire’ ovvero sapere. Oggi non è ancora in commercio ma lo si può ordinare per la modica cifra di 249 dollari. Insomma un bel passo avanti nel semplificare i gesti di tutti i giorni. Da oggi non ci saranno più dubbi su alcuni dei nostri acquisti.


Il proff ‘spazzatura’

dcccFonte: ABC News

Che cosa può inventarsi un professore attento alle tematiche sociali come l’inquinamento, il risparmio energetico e divorziato, che deve trovare una nuova abitazione tra capo e collo? Prima di tutto si cerca un piccolo appartamento e poi decide di sfruttare questa nuova condizione da single per mettere alla prova se stesso e scoprire che può imparare a impattare meno sull’ambiente, vivere in uno spazio ancora più piccolo e perchè no? Essere di esempio… come? Decidendo di allestire un cassonetto come appartamento! Avete capito bene, l’uomo, un certo Jeff Wilson che insegna alla  Huston-Tillotson University in Austin, ha fatto proprio questo raccogliendo consensi sia tra gli studenti del campus nel quale è stato installato il suo nuovo alloggio, sia da parte della stampa. In effetti non è cosa così comune andare a vivere per un interno anno in un spazio che rappresenta l’1% di quello in cui vive l’americano medio. Il professore che di certo non è uno sprovveduto ha organizzato il cassonetto in modo da poter trascorrere le ore della notte in un comodo giaciglio, certo è che alle prime luci dell’alba è bene uscire se non si vuole che il caldo diventi soffocante… una lezione che Jeff ha insegnato a tutti è che anche dalle difficoltà se ne può uscire vincenti!

 


Il ‘digitus impudicus’

Arianna e Selena MannellaChe se ne voglia dire la gestualità è oramai divenuta di  uso comune, a volte imposta dalla moda o dalle esigenze, i gesti hanno comunque tutti un loro perchè che va ricercato nella storia… quante volte vi sarà capitato di vedere fare o fare voi stessi il gesto di alzare il dito medio in senso dispregiativo nei confronti della persona cui era rivolto, vuoi per un momento di stizza, vuoi per dimostrare il proprio disappunto. Ma chi ha inventato il dito medio alzato per primo? C’è chi cita la letteratura greca e Aristofane, commediografo, come il primo che ne fa menzione nelle sue opere scritte in forma piuttosto celata. Ma il primo che lo fa in modo esplicito pare essere Diogene, il filosofo cinico, che  lo fece quando gli fu chiesto cosa pensasse di Demostene, il demagogo, dunque da qui si evince che non avesse per quest’ultimo una grande considerazione. Persio, il poeta satirico romano, fa riferimento allo stesso nelle sue satire citandolo come ”digitus infamis” dito impudente. Ma il significato di questo gesto ha radici più serie che hanno poco a che fare con la volgarità o stizza nei confronti di qualcuno, sì, perchè  il gesto del dito medio alzato risalirebbe alla Guerra dei cento Anni  tra inglesi e francesi, l’arma in più  dell’esercito inglese infatti,  erano gli arcieri: questi usavano il dito indice e il medio ogni volta che dovevano scoccare una freccia contro il nemico. Da qui si capisce che una versione moderna dello stesso si ha quando è stato abbandonato nell’uso comune il dito pollice. Coloro che non soccombevano potevano mostrare dunque con orgoglio le due dita ancora attaccate alla propria mano, un gesto di riscatto, di forza nei confronti del nemico. Attenzione, oggi il gesto in luogo pubblico può essere considerato reato.


Infischiarsene del padrone

Arianna e Selena MannellaFonte: U-Tokio

Si dice che il cane sia il miglior amico dell’uomo, sembrerebbe il solo animale domestico che può ascoltarci e rispondere a qualche comando. Se lo chiamiamo ci raggiunge, se lo sgridiamo abbassa le orecchie, se gli diciamo di sedersi si appisola sul pavimento… una ricerca tuttavia ha evidenziato quanto un altro animale domestico presente nelle nostre case Continue reading


Scopri a quale volatile appartiene questa pupù

Arianna e Selena MannellaFonte:Cartalk

I libri sono sempre considerati fonte di conoscenza, un modo veloce e pratico per imparare e curiosare tra culture che non sono le nostre, o semplicemente trascorrere qualche ora in compagnia di amici mai conosciuti. Ma come in ogni cosa c’è sempre il rovescio della medaglia, sì perchè per tanti libri curiosi e informativi, ve ne sono altri di dubbia utilità. Vi siete mai chiesti per esempio prendendo l’auto Continue reading


Google traduce in simultanea

Arianna e Selena MannellaFonte: AbcNews

I tipi di Mountain View se ne sono inventata un’altra delle loro. Se un tempo era indispensabile sapere a memoria le tabelline per fare di conto, divenuto poi concetto superato con la tecnologia che ha messo a disposizione di ognuno ogni mezzo per fare calcoli, dal convertitore alle app, ai cellulari con calcolatrice… da oggi sarà Continue reading


Peggio di Psyco

Arianna e Selena MannellaFonte:La Time

Molti di noi si preoccupato dei pericoli fuori porta, eppure molte volte il bagno è una delle stanze più pericolose di tutta la casa. Non stiamo parlando di un potenziale vicino che vi aspetta impugnando un coltello mentre fate la doccia alla stregua del film di Hitchcock, Psyco, ma  Continue reading


Super poteri grazie a un esoscheletro

Arianna e Selena MannellaFonte: Slashdot

Basta spaccarsi la schiena con lavori troppo pesanti, e tornare a casa con dolori che spesso neppure le medicine riescono ad alleviare… è quello che devono aver pensato i ricercatori di una multinazionale della Corea del nord, per la precisione del cantiere navale Daewoo i cui operai, erano costretti ogni giorno a spostare quantità di materiali pesanti a mano. Continue reading


Si ai fagioli no alle flatulenze

Arianna e Selena MannellaFonte: PulseCanada

I fagioli si sa, sono un ottimo pasto perchè possono sostituire le pietanze a base di carne, eppure se mangiati in grande quantità possono provocare il disturbo che molti conoscono, quello della flatulenza. Un gruppo di ricercatori del Venezuela, stanco probabilmente di non poter consumare i fagioli senza rumori di pancia, ha studiato un fagiolo che non provocasse queste turbolenze intestinali! Continue reading